Sea Tales

  • Pizza_Gourmet
  • Pizza_Gourmet
  • Pizza_Gourmet
  • Pizza_Gourmet
  • Pizza_Gourmet
  • Pizza_Gourmet
  • Pizza_Gourmet
  • Pizza_Gourmet
  • Pizza_Gourmet
  • Pizza_Gourmet
  • Pizza_Gourmet

 

Che si tratti di escursioni in laguna, spettacoli serali o intrattenimento, noi del SeaTales Team siamo sempre pronte a vivere nuove esperienze e, soprattutto, a raccontarvele.

Ecco, perciò, cosa abbiamo fatto ieri sera. Questa volta niente bici, né cartina geografica; solo un menù, le posate e pizzico di fame!
Direzione? Il Ristorante Dei Fiori! Alle 19.30 il nostro tavolo con vista piscina era lì ad attenderci. Ed è qui che ha inizio la nostra cena speciale, tutta a base di pizza. Ma non una pizza normale: la pizza gourmet!
Si tratta di una tipologia di pizza che si differenzia da quella classica per tre aspetti in particolare. Scopriamoli insieme!

Partiamo dagli elementi di base: le materie prime. La buona riuscita di una pizza dipende senza ombra di dubbio dall’impasto. Solitamente per la preparazione delle pizze gourmet vengono scelte delle farine macinate a pietra, come ad esempio quelle di grano, farro, kamut o integrali. Ognuna di queste contribuisce a dare una consistenza diversa.

Il secondo importante fattore è la durata della lievitazione che può arrivare anche a più di 48h! Rispetto alle pizze tradizionali, viene utilizzato un lievito naturale – quello madre - che, lievitando per almeno 24h renderà l’impasto più elastico e digeribile. La scelta dei tempi di lievitazione dipende dalla consistenza ricercata: morbida e alta come una focaccia o sottilissima e leggera, quasi croccante.

Infine non dimentichiamo la farcitura. Per la scelta degli ingredienti si punta sulla stagionalità e sulla qualità che diano vita ad abbinamenti insoliti e creativi. La particolarità della Pizza Gourmet sta proprio nella possibilità di mixare a piacere impasti e ingredienti, alcuni dei quali davvero molto ricercati come, ad esempio, gamberi crudi, speck d’oca, cruditè di porcini, maionese al lime. Per permettere agli ingredienti di mantenere la loro freschezza, la farcitura viene spesso fatta a fine cottura.

Inoltre la pizza gourmet viene servita diversamente, rispetto a quella classica. Risulta infatti più piccola e già tagliata a spicchi. Il motivo sta nel fatto che l’elevato rapporto tra acqua e farina non permette di stirare facilmente l’impasto; inoltre in questo modo ne viene esaltata la morbidezza.
Gli spicchi, inoltre, aiutano a rendere migliore l’esperienza della degustazione, permettendo di assaporare a pieno il gusto dell’impasto e i sapori della farcitura.

La proposta del Ristorante Dei Fiori si compone di sei pizze, divise in tre categorie: integrale, croccante e baguette (arrotolate). Non è stato per nulla facile scegliere; erano tutte molto invitanti!
Dopo un’attenta lettura del menù siamo arrivate a una conclusione e abbiamo deciso di sceglierne una per tipologia. Per me una Stella Marina con impasto integrale. Gli ingredienti: mozzarella, philadelphia e, a fine cottura, rucola, avocado e gamberi rossi di Sicilia in cruditè. Andrea ha optato per una Calistemone arrotolata con rucola, mozzarella, philadelphia, brie e, a fine cottura, crudo di parma e pomodoro alle olive taggiasche. Lara invece ha scelto una Primula dall’impasto croccante con crema di carciofi, mozzarella, stracciatella pugliese, speck croccante e tartufo a scaglie.
Ci siamo letteralmente leccate i baffi!
E voi che pizza gourmet preferite? Vi aspettiamo al Ristorante dei Fiori per una cena dal sapore gourmet!
Buon appetito!

 

 

Leave a Reply